MODENA SKIPASS RAIL SKI-LLS

12065936_10153654091698864_6490272387839489778_n

Anche quest’anno si è svolta la classica fiera di inizio stagione MODENA SKIPASS, tra presentazioni ufficiali delle nazionali FISI ed eventi di contorno alla fiera, sono passati tanti campioni e si sono visti dei grandi spettacoli come il contest di RAIL SKI-LLS.

Come negli ultimi anni io(Alessandro Bianchetti) e Valentino Mori (allenatore della nazionale di freestyle sci) abbiamo giudicato la gara di RAIL che si è svolta nella giornata di domenica.

Siamo contenti di aver visto così tanti partecipanti da tutt’Italia e non solo, nuovi volti anche molto piccoli hanno partecipato alla qualifica in cui i 31 atleti si contendevano i 10 posti per la finale.

Il livello altissimo dei rider e la struttura progettata e shapata da F-TECH ha reso lo spettacolo ancora più grandioso e difficile da giudicare.

 

In finale sono andati:

-SIMONE CANAL (IT)

-MORITZ HAPPACHER (IT)

-ANDREAS BACHER (IT)

-MICHAEL MAIR AM TINKOF (IT)

-FLO GEYER (DE)

-TORGE NAGEL (DE)

-SIMON GRISERMANN (AUT)

-IGOR LASTEI (IT)

-GIOVANBATISTA ZULIAN (IT)

-RALPH WELPONER (IT)

 

I 10 atleti in finale si sono dati battaglia per 45 min di jam session in cui sono piovuti trick incredibili.

Il vincitore RALPH WELPONER si è aggiudicato anche il best trick con un 450 disaster to 270 out sul doppio kink, Ralph ha usato tutta la struttura dimostrando fantasia e concretezza non che di essere super informa chiudendo tanti trick al primo colpo.

Secondo posto per il Tedesco FLO GEYER che ormai è diventato un affezionato del podio di Modena Skipass, ma quest’anno non è riuscito a conquistare il grandino più alto forse complice anche una brutta botta in qualifica.

Terzo posto per l’Austriaco SIMON GRISERMANN che ha fatto della pulizia e della concretezza la sua arma più importante per prendere il gradino più basso del podio.

Menzione speciale per SIMONE CANAL che continua a spingere forte il suo stile personale, e che ha utilizzato la struttura della gara come gli altri non hanno fatto tanta fantasia tanti trick innovativi, un diverso riding ancora un po’ sporco ma sicuro che lo porterà lontano.

Buone vibrazioni arrivano dalla fiera per il mondo freestyle ski, la scena è cresciuta ci sono tanti appassionati che continuano a crescere, il mondo piace molto alla gente e anche i più scettici stanno capendo che il freestyle sci non è una disciplina per pazzi scatenati ma in quello che fanno gli atleti c’è tanto allenamento e tanto impegno.

Stiamo tutti lavorando nella direzione giusta bravi a tutti ragazzi.